BASF Agricultural Solutions Italia
Agricoltura

Contatti

Le api e l’agricoltura: come garantire una proficua collaborazione

L'aumento inspiegabile dei decessi delle api è diventata una questione di grande preoccupazione. Le api da miele sono uno degli impollinatori più importanti per le piante selvatiche e per le coltivazioni, sono inoltre strettamente legate al settore dell'agricoltura e della biodiversità.

Dal 1961, vi è stato un aumento del 45 per cento della popolazione di api gestito in tutto il mondo. Tuttavia, negli ultimi anni, un certo numero di apicoltori hanno registrato gravi perdite di api in Europa, negli Stati Uniti e altrove.

In Europa, un certo numero di apicoltori hanno testimoniato insolitamente elevate perdite di colonie di api durante l'inverno dal 1990. Sondaggi affidabili hanno stimato perdite di colonie dal 5 al 35 per cento nel periodo 2002-2010, con un picco durante l'inverno 2002/03. Le perdite di circa il 10 per cento sarebbe stato considerato normale in precedenza.

Diversi possono essere i fattori interconnessi

C'è una crescente convinzione che i fattori che interagiscono, tra cui i parassiti, le malattie, la nutrizione, le pratiche di apicoltura, i modelli climatici e la genetica può essere impegnativo per la sopravvivenza delle api.

I parassiti e virus possono diffondersi facilmente nel mondo altamente connesso di oggi. Sia Varroa destructor (un acaro parassita e vettore di virus) sia Nosema spp. (Un fungo parassita) indeboliscono il sistema immunitario e la salute delle api. Come risultato, molti virus in precedenza innocui sono diventati fatali.

La limitata diversità genetica delle api - allevate da un numero limitato di linee per diventare meno aggressive e più produttivo - può tuttavia anche influenzarne l'immunità. Ad esempio, si stima che l'intera popolazione di api degli Stati Uniti possono essere ricondotte a 500 regine.

L'agricoltura moderna ha anche ridotto la varietà di pollini all'interno del paesaggio agrario, incidendo sulla dieta delle api. Lo spostamento delle arnie per motivi commerciali ha contribuito a fornire nuovi fattori di stress per le api.

Il cambiamento climatico può essere considerato un altro fattore, causando inverni più rigidi e primavere più umide in Europa. Le giovani api che sopravvivono a queste condizioni soffrono di una salute più cagionevole.


Il ruolo dei prodotti per la protezione delle colture

Secondo l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) e sulla base di studi a lungo termine condotti in Germania e in Francia, una correlazione tra le perdite invernali di colonie di api e la presenza di pesticidi è rara. Tuttavia, la discussione è in corso ed è necessario continuare le indagini.

Separatamente, ci sono state segnalazioni occasionali di avvelenamento delle api causate dalla cattiva gestione dei prodotti per la protezione delle colture.

BASF lavora a stretto contatto con i partner per indagare sospetti impatti di agrofarmaci, nonché contribuendo a ridurre al minimo l'uso improprio dei prodotti per la protezione delle colture.


Lo sapevi che ...

  • Ci sono almeno 20.000 specie di api sulla Terra e più di 2.500 in Europa.
  • Le api di solito muoiono circa tre settimane dopo il primo volo, dopo aver volato circa 800 km, trasportando a volte fino a metà della loro peso corporeo in foraggiamento per nettare e polline.
  • Ci sono circa 700.000 apicoltori nell'UE.
  • L'Unione Europea produce circa 200.000 tonnellate di miele ogni anno.
  • Il valore commerciale dei servizi di impollinazione delle api è stimato a 200 milioni di sterline all'anno nel Regno Unito e $ 14 miliardi negli Stati Uniti e in tutto il mondo € 153bn.

MAQS


L'acaro Varroa è un fattore importante che incide sulla salute delle api. Il progetto tedescodi monitoraggio delle api ha recentemente pubblicato uno studio a lungo termine, il che dimostra che Varroa è significativamente correlato a elevate perdite invernali in colonie di api.

MAQS, di BASF e NOD Apiary Products, offre una soluzine per il controllo dell'acaro Varroa destructor. Il prodotto si concentra sugli acari di Varroa interrompendone la riproduzione.

Inizio